Dottor Ilario De Gaetanis Psicologo Psicoterapeuta

Iscritto all’Ordine degli Psicologi dell’Emilia Romagna n° 5483.

Partita Iva: 02881981209

Per informazioni o per prendere un appuntamento:

Tel. 0510826191

Cell. 3471648238

e-mail: [email protected]

Puoi chiedere informazioni e prendere un appuntamento anche compilando il modulo contatti

Fai una domanda allo psicologo

Attacchi di panico: sintomi e cura

L’attacco di panico si manifesta con uno stato d’ansia che cresce lentamente fino ad arrivare ad un picco, di forte malessere fisico con i seguenti sintomi:

  • difficoltà nel respiro
  • tachicardia
  • sensazioni di soffocamento
  • vertigini
  • sudorazione
  • vampate di calore
  • tremore
  • pensieri catastrofici di avere un attacco cardiaco, di sentirsi male, di svenire, di morire, di impazzire e di perdere il controllo

È un episodio improvviso di breve durata e accompagnato da una paura molto intensa.

Gli attacchi di panico possono condizionare fortemente la vita di una persona impedendole di svolgere anche le normali attività. A causa del terrore legato agli attacchi di panico, la persona sviluppa facilmente una sorta di paura della paura, che la porta ad evitare tutte le situazioni in cui le potrebbe capitare di nuovo e le situazioni dalle quali sarebbe difficile o imbarazzante allontanarsi, o quelle dove potrebbe non essere disponibile un aiuto, nel caso di un attacco di panico inaspettato.

L’evitamento di tutte le situazioni potenzialmente ansiogene diviene la modalità prevalente e la persona diviene schiavo del suo disturbo. Non riesce a fare le cose da solo ed ha bisogno di essere sempre accompagnato. Le persone che gli stanno vicino, pur permettendogli dei margini di movimento, alimentano la paura di stare da solo ed il circolo vizioso che si viene a creare.

Lo scopo della psicoterapia individuale è di aiutare la persona a prendere consapevolezza del circolo vizioso in cui si ritrova e sperimentare nuove soluzioni che le permettono di rompere questo meccanismo e di stare meglio.

Attacchi di Panico: soluzioni che alimentano il problema

Gli attacchi di panico, come la maggior parte dei disordini fobici, non sono determinati dalla paura legata all’evento iniziale, la prima volta che succede spesso si sviluppano a partire da un evento di lieve entità sul piano fisico o di tipo puramente mentale come la pura di star male.

Quello che determina lo svilupparsi di una sintomatologia di attacchi di panico e l’insieme delle reazioni che la persona mette in atto per sfuggire alla paura di una ricaduta, sono le soluzioni tentate ad alimentare e mantenere il disturbo favorendo l’aggravarsi della sintomatologia.

Una delle reazioni più comune consiste nell’evitare di esporsi a tutte le situazioni che potrebbero scatenare la temuta reazione corporea. In questo modo però la persona aumenta il proprio livello di attenzione verso la paura e di conseguenza le situazioni a rischio aumentano notevolmente limitando progressivamente lo spazio di vita. Un’altra soluzione spesso utilizzata consiste nel chiedere aiuto e crearsi una forte rete di sostegno che permette di sentirsi protetti e accompagnati nelle situazioni a rischio. In questo modo però si costruisce l’idea che la persona è malata e ha bisogno sempre dell’aiuto di qualcuno per affrontare la quotidianità.

Anche in questo caso c’è il rischio che si sviluppino problematiche più gravi della sintomatologia iniziale. Le persone in questo modo si ritrovano in uno stato definito come impotenza appresa che li porta a credere di essere alla mercè degli eventi esterni e di non avere potere e controllo sulla propria vita.

Attacchi di Panico: strategie per superarli

Abbiamo visto quali sono le caratteristiche di un attacco di panico e quali sono i meccanismi che lo alimentano e contribuiscono a che un attacco di ansia diventi un attacco di panico.

Vediamo ora quali sono le strategie da mettere in atto per evitare che un attacco di ansia si trasformi in un attacco di panico:

  • L’aspetto principale è legato al controllo, è molto importante tenere in mente che più si cerca di controllare l’attacco di panico più si ottiene l’effetto contrario di alimentarlo e di perdere il controllo per cui nel momento in cui si ha un attacco di ansia non cercare di controllarlo.
  • Un discorso analogo vale per la paura che a questo è associata: non cercare di scacciarla ma accettarla. Di solito si tratta di paure molto forti legate all’idea di morire o di impazzire però sai che durerà solo pochi minuti e poi passerà senza lasciare effetti duraturi.
  • Non pensare a quello che potrebbe accadere di brutto perché non lo puoi sapere quindi non fasciarti la testa prima di rompertela, pensa invece a quello che sai bene perché ti è già successo: durerà poco e poi passerà, se ci pensi bene puoi anche sentire che sta già cominciando a passare.
  • Per utilizzare al meglio queste strategie, quando senti che sta arrivando un attacco, scrivi dettagliatamente tutto quello che senti in quell’esatto momento.

Per problematiche di questo tipo è molto efficace la terapia breve strategica che permette di ridefinire il problema e riorientare i comportamenti legati agli attacchi di panico.

In poche sedute di terapia si elaborano strategie di cambiamento che risolvono il problema.

Dott. Ilario De Gaetanis Psicologo Psicoterapeuta Bologna - Dottor Ilario De Gaetanis via del Perugino 9, Bologna Tel. 3471648238 [email protected]
Powered by WordPress & Atahualpa